Tecniche di recupero di spermatozoi da testicolo

Nei casi in cui sia riscontrata la totale assenza di spermatozoi (azoospermia) nell’eiaculato, o una severa riduzione (oligozoospermie), le cause più frequenti di infertilità di coppia per causa maschile, è utile e talvolta fondamentale eseguire una biopsia del testicolo.

Questo è il metodo più diretto per scoprirne le cause, dimostrarci la eventuale presenza di spermatozoi nel testicolo stesso ed, inoltre, di dare la possibilità di prelevarne alcuni per utilizzarli in varie procedure di Fecondazione Assistita.

L'esame viene condotto nel testicolo, previa anestesia locale e viene eseguita in ambulatorio, senza ricovero, nel tempo di 10 minuti.  Il Paziente potrà subito tornare a casa. Pertanto la biopsia testicolare e, l’eventuale congelamento di frammenti di tessuto testicolare in caso di riscontro di spermatozoi, permetterà ai pazienti azoospermici di ottenere una diagnosi e pertanto di conoscere definitivamente la causa della propria infertilità e sapere se e quale terapia sarebbe eventualmente possibile; di ricorrere a tecniche di Fecondazione Assistita (ICSI) o conservare gli spermatozoi, mediante crioconservazione, per l’eventuale impiego futuro.

Le più moderne tecniche permettono l’individuazione e l’estrazione di spermatozoi mediante l’aspirazione con ago sottile direttamente dall’epididimo(MESE), la struttura che trasporta gli spermatozoi, oppure mediante estrazione dal testicolo mediante una serie di piccole biopsie testicolari multiple random (TESE - Testicular Sperm Extraction). È anche possibile, in casi selezionati eseguire una tecnica di recupero di spermatozoi con l'ausilio del microscopio; i testicoli vengono esplorati al microscopio e vengono esaminati i singoli tubuli dove avviene la spermatogenesi (MicroTESE - MICROdissection Testicular Sperm Extraction).

recupero di spermatozoi da testicolo