• Teratospermia - l’alterazione della forma degli spermatozoi

    spermatozoi
    Affinché uno spermatozoo possa essere considerato normale è necessario che siano normali sul piano morfologico la testa, il collo, il tratto intermedio e la coda dello spermatozoo. L’alterazione della forma degli spermatozoi si definisce teratospermia, condizione stabilita dalla presenza di meno del 30% di spermatozoi morfologicamente normali (valore di riferimento WHO per la normalità : forme atipiche ≤ 70% (distinte in atipie della testa, del collo e della coda) e forme tipiche ≥ 30%).

    La presenza di forme anomale (spermatozoi con doppia testa, senza coda ecc.) non deve superare quindi il 70% del totale e una quota troppo elevata di queste può compromettere la fertilità. Molteplici cause possono portare ad una teratospermia, come processi infiammatori ed infezioni dell’apparato genitale maschile e il varicocele, condizioni queste meritevoli di indagini più approfondite (ecografie ed indagini colturali per la ricerca di infezioni). Anche una non corretta raccolta del liquido seminale può essere responsabile del riscontro di un’alta percentuale di forme atipiche nel liquido. E’ opportuno in ogni caso consultare uno specialista che valuti le possibili cause di queste alterazioni.

Emozioni

Buona parte della letteratura scientifica ha messo in luce l’importanza che hanno le emozioni nei problemi legati all’infertilità.

 

Una delle domande più frequenti fatte al medico specie in caso di infertilità inspiegata è:

 

“Dottore, lo stress che io e il mio compagno viviamo può influire sul fatto che la gravidanza non arriva? “.

">Quando tutte le nostre funzioni sembrano normali, ci potrebbe essere qualcosa che non riusciamo a vedere e misurare, in grado di condizionare in modo sfavorevole il sistema riproduttivo.

Noi del Centro Studi Genesis e del Centro “BIOFERTILITY” di fecondazione assistita sosteniamo che l’aspetto emotivo e psicologico possa giocare  un ruolo fondamentale nel determinare e mantenere il problema dell’infertilità ma anche  nell’eventuale riuscita delle cure.

Siamo convinti che le persone non siano “macchine difettose” da aggiustare bensì individui da accompagnare e dei quali prendersi cura nella loro soggettività e unicità. In questo senso va il nostro intervento.

Anche per questo abbiamo inserito una figura speciale ad accompagnare con particolare sensibiità e professionalità le nostre coppie : il TUTOR della coppia. Noi tutti con lui sin dal primo colloquio accogliamo i bisogni espressi e quelli meno evidenti.

I bisogni vengono compresi ed interpretati in tutte le fasi della diagnosi e delle terapie. Mezzi speciali come certe  tecniche di rilassamento ci stanno dando grande soddisfazione e già si riflettono sui risultati finali.  Ma nulla può sostituire le parole dei pazienti che esprimono la soddisfazione dell’accoglienza.

Buona strada

Raccontaci il problema Ti aiutiamo a risolverlo