• La verità sul PICK-UP

    manna pick up
    Comprendo benissimo le reazioni di alcune pazienti alle rassicurazioni che io come medico o altre pazienti fanno circa le sensazioni dolorose del prelievo ovocitario in anestesia locale. Sembra, infatti, a molti quasi incredibile che questa procedura si possa fare nel la maggior parte dei casi in modo assolutamente sopportabile.

    Tuttavia nella mia esperienza di migliaia di pick-up è proprio cosi e non vedo perché dovrei negare questa realtà che oltretutto viene dalle testimonianze delle pazienti stesse.  A meno che non si pensi che scrivo questo sapendo di dire una cosa non vera vorrei dare per quello che dico spiegazioni precise e comprensibili.

    Anzitutto applico il pick-up in anestesia locale a circa il 90% delle mie pazienti. Il 10% che lo esegue in sedazione e analgesia completa, ossia in uno stato crepuscolare e pur vigile, viene selezionato accuratamente prima di decidere a chi deve essere proposto un metodo invece che l’altro. Questo metodo  come tutte le altre fasi della PMA fa parte della personalizzazione del trattamento. E’ chiaro che se invece si sbaglia in questa scelta sentirà dolore chi avrebbe dovuto eseguire l’analgesia completa o avrà fatto una procedura farmacologica inutile e costosa chi poteva farla tranquillamente in anestesia locale. Una buona candidata all’analgesia completa è chi ha una soglia bassa del dolore, presenta moltissimi follicoli e chi possiede  ovaie in posizioni più difficili da raggiungere oppure ha esperienze molto negative di procedure precedenti .
    Da diverso tempo utilizzo un ago ( tra i tanti in commercio ) estremamente sottile ed opportunamente modellato che proprio per questo riduce significativamente sia le sensazioni dolorose che le perdite di sangue. E’ più flessibile degli altri e per certi versi più difficile da usare ma ha il vantaggio di “far meno male”.
    Le sensazioni dolorose dipendono molto anche dalla durata dell’intervento e questa oltre che dal numero di follicoli è strettamente legata all’esperienza ed all’abilità dell’operatore. Chi ha fatto tanti pick-up riesce a concludere l’intervento in tempi molto ristretti e ridurre notevolmente il disagio della paziente. Quando si penetra in un follicolo  è necessario percorrere un certa direzione ed imprimere all’ago una forza ed una velocità precisa ma variabile a seconda della consistenza dei tessuti. Se non si esegue questo in modo corretto si fanno molti tentativi di penetrazione nel follicolo prima di riuscirvi e questo inevitabilmente viene avvertito come sensazione dolorosa anche intensa. Naturalmente in anestesia completa queste manovre anche incerte non vengono percepite ed un tempo anche lungo per completare il pick up non corrisponde ad un’esperienza dolorosa.  
    Anche l’attenzione e la comunicazione con la paziente prima e durante l’intervento sono molto importanti nelle sensazioni di questo vissuto. Certamente non è facile per l’operatore gestire contemporaneamente la fase tecnica dell’intervento e l’aspetto relazionale con la paziente che è sveglia. Ma se si riesce a far questo lei avrà vissuto un esperienza accettabile e l’intervento sarà stato efficace. Anche questa capacità di contatto e comunicazione è legata all’esperienza dell’operatore ed al desiderio di stabilire con la paziente una sintonia giusta anche nei momenti più impegnativi. Dire delle parole di comprensione alla paziente  che la aiutano anche a distrarsi dalle comprensibili paure aiutano molto a non trasformarle in sensazioni dolorose. Parlare molto anche prima del prelievo ovocitario per spiegare come avviene tutto aiuta molto a predisporsi bene per questa fase.
    Certamente quando in un centro ci sono tanti pick-up da eseguire in un lasso breve di tempo e nel corso delle visite o controlli precedenti non si è approfondita abbastanza questa fase della procedura il rischio di avvertirla come molto dolorosa è più elevato. Lo stesso fatto di sapere che il medico con cui si sono avuti i colloqui o eseguite le ecografie precedenti sarà proprio quello che eseguirà il pick-up aiuta molto ad essere rassicurati sulle sensazioni che si avranno durante il prelievo ovocitario. Il medico stesso d’altra parte conosce meglio la paziente e sarà in grado di darle un attenzione più adatta alla personalità che ha di fronte.
    Certamente l’anestesia generale nel pick-up può essere più conveniente per alcune   strutture sanitarie o  centri per innumerevoli ragioni. A volte le strutture sono convenzionate col S.S.N. e questo tende a “clinicizzare” l’intervento con eventuale pernottamento. La regione pertanto rimborsa questo DRG alla struttura sanitaria. Non lo farebbe se l’intervento fosse ambulatoriale. La presenza di medici con minore esperienza rende più facile la loro   formazione quando eseguono in anestesia generale il pick-up. In un centro grande non tutti i ginecologi hanno le stesse capacità e numero di interventi eseguiti nel loro curriculum e non tutti possono seguire le stesse  pazienti prima e durante il pick-up. Fare l’anestesia generale consente di programmare meglio l’organizzazione del centro ma questo non corrisponde necessariamente alla sensazione di benessere della donna. L’anestesia generale richiede attrezzature più complesse che inevitabilmente si traduce in costi maggiori per le coppie. D’altro canto produce un ricavo sia per la clinica che per il medico anestesista.
    In conclusione le procedure di PMA stanno andando verso una sempre maggiore semplificazione in tutto il mondo e questo sembra contraddire l’esigenza di ricorrere all’anestesia generale  che ha sempre i suoi rischi non del tutto  eliminabili. La PMA è per sua natura una tecnica ambulatoriale il cui successo dipende dall’esperienza del’equipe e dalla personalizzazione di tutte le fasi compresa quella del pick-up.

Aspetti dermatologici dell'ovaio policistico

Aspetti dermatologici dell'ovaio policistico

probiotica

I sintomi esordiscono solitamente in epoca puberale. La comparsa precoce della prima peluria pubica, detta pubarca, che normalmente si verifica tra gli 8 e i 12 anni, può essere uno dei primi segnali e far sospettare la tendenza a questa sindrome. Anche le manifestazioni dermatologiche come la seborrea e l’acne sono spesso sottovalutate. Invece è importante sottoporsi ad una visita specialistica per capirne le cause. Inoltre, esistono oggi numerose opzioni terapeutiche per queste manifestazioni che hanno, oltre che a livello fisico, anche a livello estetico e psicologico un notevole impatto nella vita dei pazienti.

Il punto centrale della PCOS è l’eccessiva produzione di ormoni maschili, iperandrogenismo, da parte dell'ovaio. L’organo bersaglio, in questo caso, è rappresentato dall’unità pilo-sebacea costituita dal follicolo pilifero, sede di origine del pelo, e dalla ghiandola sebacea, produttrice di sebo. Correlato all’unità pilo-sebacea, vi è un enzima, chiamato 5-alfa-reduttasi, che converte il testosterone (ormone maschile) nella sua forma attiva (diidrotestosterone) e che esercita un’attività fino a venti volte maggiore nelle zone seborroiche (viso, dorso, cuoio capelluto). Il legame tra diidrotestosterone ed il suo recettore presente sulle cellule sebacee determina un’eccessiva produzione di sebo che, unitamente all’aumento della cheratina nell’infundibolo del follicolo pilifero, è alla base dello sviluppo dell’acne comedonica. Questa si caratterizza proprio dall’accumulo di sebo e cheratina nel follicolo sebaceo. Successivamente, il processo infettivo a carico delle lesioni comedoniche da parte di batteri anaerobi, che sopravvivono in assenza di ossigeno, determina la comparsa delle manifestazioni infiammatorie quali l’acne papulo-pustolosa e l’acne nodulo-cistica.

L’irsutismo, ovvero lo sviluppo nella donna di peli con caratteri e localizzazione tipici del sesso maschile, è causato anch’esso da un aumento degli ormoni androgeni. Infatti, esistono alcune zone del corpo umano nelle quali le unità pilo-sebacee rispondono agli stimoli degli ormoni steroidei. Queste sono ad esempio il viso (la regione delle guance, il mento e il labbro superiore), il basso addome (o linea alba), la parte anteriore delle cosce, il torace, la regione periareolare delle mammelle, l’area pubica e le ascelle. In caso di aumentata produzione di androgeni, i peli di queste regioni assumono un aspetto maschile o “androgeno-dipendente”.