• Aborto ripetuto, racconto di una donna

    Desiderare un figlio e non riuscire ad averlo. Aborti ripetuti, analisi e tante domande. Eppure una forza misteriosa spinge la donna e la coppia ad andare avanti, a non arrendersi mai. Ma insistere nonostante continue sconfitte può portare ad ottenere quel figlio desiderato. E' la storia piena di speranza di Francesca C., che dopo 6 aborti spontanei è riuscita a "completarsi" con un figlio, superando incomprensioni coniugali e la pressione dei parenti.

    Leggi tutto...

Genetica e riproduzione

GENETICA E RIPRODUZIONE 

La genetica studia il modo con cui i caratteri e il funzionamento delle nostre cellule si trasmettono nelle generazioni successive e come si esprimono nell’individuo sia nella normalità che nella malattia. Tutto è contenuto nel patrimonio genetico composto da una sostanza chimica, il DNA, incorporato in strutture chiamate cromosomi in cui piccole parti, chiamate geni, sono responsabili delle informazioni, ad esempio quelle per  il colore degli occhi o per la produzione di un ormone. Sono circa 22.000 quelli veramente attivi che, cioè, ordinano la costruzione di proteine ovvero i mattoni del nostro organismo. I geni attivi, però, rappresentano solo il 2 % circa di tutto il DNA umano. La maggior parte del DNA infatti non ordina la sintesi di alcuna proteina.

Quando due individui si uniscono per generare un figlio devono prima dimezzare i loro cromosomi, negli ovociti e negli spermatozoi, con un processo chiamato meiosi. Così le cellule riproduttive sono pronte a formare un nuovo individuo riunendosi nella fecondazione ciascuno con la metà dei propri cromosomi materni e paterni. Errori e combinazioni casuali che si verifichino in queste fasi possono portare all’espressione di  malattie, a volte prima silenti.

Molti di questi errori aumentano considerevolmente con l’età dell’individuo . Nella riproduzione ad esempio può verificarsi nell’embrione la presenza di un cromosoma in più, come la trisomia 21 (sindrome di Down). Altre anomalie neanche si esprimono perché esitano invece in aborto precoce. Oggi sono migliaia le malattie diagnosticabili in utero con la diagnosi prenatale; è consigliabile, con una consulenza genetica, selezionare la ricerca di quelle più frequenti specialmente  nella propria famiglia.