• Stimolazione ovarica per la FIVET/ICSI

    Un ciclo di trattamento FIVET/ICSI inizia con la stimolazione ovarica per fare svillupare più follicoli. Si somministrano farmaci di tipo ormonale sotto forma di compresse oppure iniezioni di gonadotropine durante il ciclo mestruale variando le dosi caso per caso.

    Contemporaneamente si segue lo sviluppo dei follicoli mediante una serie di ecografie: queste osservazioni hanno lo scopo di adattare meglio la somministrazione dei farmaci alla persona e controllare se la stimolazione si è svolta normalmente. Si eseguono anche prelievi di sangue (monitoraggio ormonale) per misurare gli ormoni in circolo e, così, seguire meglio la stimolazione.

     

    L'ecografia che mostra i follicoli ovarici durante una stimolazione ovarica per La FIVET/ICSI

La cervice

La cervice è la parte inferiore dell’utero. Essa è lunga 2-3 cm e comunica in basso con la vagina mediante l’orifizio uterino esterno ed in alto con la cavità uterina mediante l’orifizio uterino interno. Tra i due orifizi scorre il canale cervicale che nella Riproduzione ha una grande importanza

La cervice è la parte inferiore dell’utero. Essa è lunga 2-3 cm e comunica in basso con la vagina mediante l’orifizio uterino esterno ed in alto con la cavità uterina mediante l’orifizio uterino interno. Tra i due orifizi scorre il canale cervicale che nella Riproduzione ha una grande importanza. Il suo rivestimento interno infatti produce nei giorni precedenti l’ovulazione il muco cervicale che si deposita in vagina . Questo fluido quando diventa abbondante e filante aiuta gli spermatozoi a risalire nella cervice ( ciclo cervicale).

Nel canale cervicale, inoltre, vi sono delle cripte dove gli spermatozoi si accumulano, come in luoghi di riserva e da lì per giorni ( anche senza ulteriori rapporti sessuali) continuano a risalire verso l’utero. Ecco perché a volte basta un solo rapporto sessuale per garantire molti giorni di sopravvivenza e la continua risalita agli spermatozoi.