• Infezioni

     

    Le infezioni in caso di infertilià sono abbastanza frequenti. Vari sono i tipi di germi coinvolti (batteri, virus, protozoi ) e colpiscono sia l’apparato riproduttivo maschile che quello femminile, talvolta entrambi nella coppia. Spesso alcuni di questi germi si trasmettono sessualmente e l'infiammazione coinvolge la prostata o le vescichette seminali, la cervice o la vagina senza che il paziente se ne accorga ( Clamidia, Micoplasma). Talvolta queste infezioni sono presentii da tanto tempo e difficili da diagnosticare ed eliminare. In alcuni casi ci sono infezioni apparentemente senza germi ( prostatiti abatteriche).

    La nostra strategia è quella di ricercare le infezioni al più presto specialmente prima di eseguire manovre anche minimamente invasive come l’isteroscopia o l’isterosonosalpingografia. Vogliamo accelerare i tempi dell’esecuzione e delle risposte per incastonare questo esame nel piano della diagnosi e delle terapie  senza ritardare troppo ed inutilmente queste fasi.

    Cerchiamo anche le condizioni che possono favorire l’insorgere delle infezioni come stress, cattiva alimentazione, riduzione delle difese immunitarie perché non dobbiamo pensare che gli antibiotici da soli risolvano ogni situazione infettiva. A volte è necessaria molta pazienza per sconfiggere le infezioni ma mentre si fa questo ci adoperiamo per migliorare altre cose che non vanno secondo un piano che la nostra equipe intravede nell’interesse supremo della coppia

Le tube

 

Le tube o salpingi sono due sottili canali lunghi in media 12 cm , che mettono in comunicazione la cavità dell’utero con lo spazio interno della pelvi ( cavità addominale). Partendo dalla cavità uterina la prima porzione delle tube si innesta nella parete dell’utero e poi continua con una parte detta ampolla , dove avviene la fecondazione, sino a slargarsi nel padiglione che termina con delicate frange, le fimbrie. Esse abbracciano l’ovaio al momento dell’ovulazione per catturare meglio l’ovocita proveniente dal follicolo ovaricoutero bicorne

 La parete interna delle tube è rivestita da uno strato di cellule speciali. Alcune sono dotate di ciglia microscopiche che facilitano il trasporto dell'ovocita, altre producono e secernono sostanze nutritive necessarie alla sopravvivenza dell’ ovocita, degli spermatozoi e dell’ embrione.

Al di sotto di queste cellule vi è uno strato muscolare importante, che attraverso delicate contrazioni aiuta lo spostamento dell’ovocita e dell’embrione.

E’ evidente perciò che le tube non sono solo dei canali che consentono un meccanico passaggio di qualcosa al loro interno; ecco perché un danno a qualcuna di queste delicate strutture, anche se il canale resta libero, può ostacolare la riproduzione.