• Diminuire ansia e stress per il successo nella Fecondazione Assistita. Cosa facciamo

    CONTRO I FALLIMENTI DEI CICLI DI FECONDAZIONE ASSISTITA

    Nel percorso di Fecondazione Assistita, può accadere di affrontare il fallimento del tentativo di FIVET, ICSI o IUI. Nella mia esperienza sui percorsi di fecondazione assistita, mi trovo spesso a lavorare con tante coppie che mi domandano come poter attenuare l’ansia e la paura quando il tentativo fallisce. I medici stessi, con i quali collaboro, cercano di capire quali possono essere i fattori che dal punto di vista psicologico influiscono nella buona riuscita del trattamento e come aiutare le coppie ad affrontare il fallimento nel migliore dei modi.

    Leggi tutto...

Infertilità inspiegata, la fertiloscopia per trovarne le cause

la fertiloscopia
 
Per esplorare contemporaneamente la cavità uterina, le ovaie e le tube esiste una tecnica endoscopica mini invasiva chiamata Endoscopia Transvaginale. Questa tecnica unisce la mini isteroscopia, con l'idrolaparoscopia transvaginale, e con il test con il blu di pervietà tubarica e salpingoscopia. La Fertiloscopia è stata inventata in Belgio per facilitare le indagini ginecologiche per consentire di consentire, con una sola tecnica, numerose diagnosi nell’infertilità senza ricovero e senza anestesia generale.

La Fertiloscopia sostituisce l’isterosalpingografia, l’isteroscopia e la laparoscopia diagnostica. Rispetto a quest’ultima consente inoltre di valutare con attenzione l’interno delle tube (salpingoscopia) per scoprire se esistano difetti della mucosa tubarica. Nei casi di infertilità inspiegata e dolore pelvico cronico da causa ignota è particolarmente raccomandata.

Tra i vantaggi principali di questa tecnica vi è anzitutto l’assenza di distensione addominale attraverso l'impiego, non privo di rischi, di gas come avviene con la laparoscopia tradizionale (endoscopia). Inoltre con la Fertiloscopia si evita la manipolazione delle tube e delle ovaie poiché vengono immerse in un liquido iniettato nell'addome per analizzare il loro reciproco rapporto che appare cruciale al momento dell’ovulazione. Così, dopo aver iniettato in utero questo liquido di colore blu sarà possibile analizzare facilmente il suo passaggio quando si esplora la cavità addominale successivamente all’isteroscopia che si pratica nelle primissime fasi. Naturalmente come tutte le tecniche più recenti richiede un’esperienza adeguata che non tutti i ginecologi hanno acquisito.

http://www.vitachenasce.org/vita-che-nasce-riproduzione/infertilita-inspiegata-endoscopia-transvaginale.html