• Cosa facciamo quando il fallimento della Fecondazione Assistita può dipendere da lui

    Questo è il pensiero che può venire quando si sospetta che a fecondare l’ovocita sia stato uno spermatozoo anomalo anche se apparentemente normale

    La selezione “naturale” degli spermatozoi per l’ICSI:

    Fino ad ora la selezione degli spermatozoi per l’ICSI si basava esclusivamente su un unico criterio: le caratteristiche morfologiche. Tuttavia, grazie a numerosi studi e attraverso l’adozione di specifiche tecniche, è anche possibile selezionare gli spermatozoi migliori, basandoci non più sulla loro morfologia, ma su criterio molto più attendibile: l’integrità del  Dna al suo interno. Studi scientifici dimostrano che un Dna spermatico frammentato può si fecondare un’ovocita, ma nel momento in cui i geni paterni vengono attivati dall’ovocita, lo sviluppo embrionale si può arrestare, causando o mancato attecchimento o l’insorgenza di aborti.

    Leggi tutto...

Cosa fare quando si scopre di essere infertili: una piccola guida per Lei e per Lui

Cosa fare quando si scopre di essere infertili

Care lettrici, se vi soffermate a pensare a quale sia il desiderio più comune tra le donne, cosa vi viene in mente? Uno tra tanti: la maternità!

Il desiderio di diventare madri cresce in noi in maniera esponenziale a mano a mano che gli anni passano e quando ci viene negato ci sentiamo perse, vuote, come se nulla avesse più un senso!

Per fortuna però la sterilità si può combattere basta solo rendersene conto in tempo tenendo presenti queste semplici linee guida.

 Quando rivolgersi a uno specialista dell’infertilità di coppia?

  • Se la gravidanza non sopraggiunge dopo 6/12 mesi di rapporti non protetti.

Quanto conta l’età della donna per un’eventuale gravidanza?

  • Molto! Si sa infatti che la fertilità nelle donne è un fattore inversamente proporzionale all’età, ovvero: diminuisce con il passare degli anni. Ecco perché nelle donne in età avanzata la probabilità che sopraggiunga una gravidanza naturalmente è più bassa.

Quali esami dovrà effettuare la donna prima di iniziare un’evevntuale terapia?

  • Dal ginecologo la paziente sarà sottoposta ad un ciclo di ecografie transvaginali per verificare innanzitutto se l’ovulazione avviene correttamente. Quest’esame consentirà di monitorare la crescita del follicolo, se ovula e quando. La paziente sarà inoltre sottoposta ad un esame ormonale atto a misurare la concentrazione di LH, FSH, estradiolo e progesterone in particolari giorni del ciclo mestruale e, se il medico lo riterrà opportuno, sarà analizzata anche la quantità e la qualità del muco cervicale prodotto dal collo dell’utero.

Oltre agli esami suddetti, esistono altri accertamenti più specifici per la paziente?

  • Si! Il ciclo di esami per la donna si conclude con un’isterosalpingografia  o un’ecoisterosalpingografia per valutare la pervietà delle tube.

A quali esami dovrà sottoporsi il partner?

  • Per l’uomo l’esame principale consiste nello spermiogramma, grazie al quale si valuterà la motilità, la morfologia e la quantità degli spermatozoi presenti nel liquido seminale.

Esistono esami specifici per la coppia?

  • La coppia può sottoporsi al cosiddetto POST COITAL TEST volto ad analizzare il comportamento degli spermatozoi all’interno del muco cervicale. Quest’esame è molto semplice e consiste nel prelievo del muco eso ed endocervicale dopo qualche ora dal rapporto.

Tutti questi esami possono essere effettuati in breve tempo per cui, in base ai risultati, si può rapidamente procedere alla terapia più adeguata.