• Endometriosi, una patologia che coinvolge la salute della donna

    Al di fuori dell’utero colpisce le ovaie sotto forma di cisti, mentre provoca nell’intestino, nella vescica, nelle tube e nel peritoneo noduli bluastri, lesioni rosse (red flame) o anche lesioni madreperlacee quasi invisibili.

    ENDOMETRIOSI

    Questo accade forse perché una parte dell’endometrio (lo strato interno dell’utero) durante la mestruazione passa attraverso le tube e va nell’addome dove invece di riassorbirsi si solidifica formando come dei gettoni che sanguinano ad ogni ciclo (come succede all’endometrio) e danneggiano i tessuti così da formare aderenze, dolore pelvico e sterilità. Ma si tratta solo di un’ipotesi, anche perché l’endometriosi è stata ritrovata anche nel feto dove ovviamente questo meccanismo non può verificarsi perché le mestruazioni sono inesistenti.

    Leggi tutto...

Cure per Endometriosi

CURE PER ENDOMETRIOSI

La terapia medica, da sola o associata alla chirurgia, rappresenta un'importante opzione terapeutica per le donne affette da endometriosi che cercano un figlio . Poi le tecniche di Fecondazione assistita hanno aggiunto possibilità straordinarie al desiderio di maternità.

Il trattamento dell’endometriosi che si avvale di tutte questi strumenti lo  personalizziamo il più possibile proprio perché non c’è mai un solo tipo di endometriosi.

A volte la donna  si chiede : Chirurgia o fecondazione assistita? Prima una o l’altra? Ecco, la nostra scelta è legata proprio alla situazione particolare che vediamo. Anche l’uso degli ormoni può essere fatto con sicurezza scegliendo il protocollo adatto a ciascuna donna. Usiamo anche integratori, vitamine e altri prodotti non ormonali

Poiché l’endometriosi può ridurre la riserva ovarica la nostra equipe si occupa anzitutto di proteggerla  con un programma adatto.

L’endometriosi a volte rende difficile il prelievo ovocitario se si deve eseguire una fecondazione in vitro. Eseguiamo in precedenza  uno  studio specifico  ed una  preparazione personalizzata in modo che al prelievo ovocitario otteniamo il massimo numero possibile di ovociti.